Focus Foggia, intervista a Maria Coccia

Giovedì, 22 Dicembre 2011
MARIA COCCIA per focusfoggia.com: " Convinta che il potenziale della Focus siamo molto più alto di quello sinora espresso!"



FOGGIA 21 Dicembre 2011 – Maria Coccia, classe 1985, è una pivot tutto pepe e grinta che gioca con il cuore ogni qualvolta viene chiamata in causa. Da quest’anno al servizio della Focus Foggia, cerca anche lei di dare una mano alla squadra di mister Fabio Longo suo allenatore anche nelle passate stagioni, quando militavano entrambi nelle Queens Foggia.



Maria domenica è stata una brutta caduta la sconfitta in quel di Messina contro il Ganzirri, si è perso 4-2 ma la squadra e come se fosse andata in stand by per un pomeriggio intero, la tua opinione su ciò che è accaduto?

“Purtroppo non è la prima volta che incappiamo in questa fase di stand by. In tutte trasferte soffriamo il calo di concentrazione. In questo caso però, forse, abbiamo peccato di presunzione, sottovalutando l'avversario!”



Ora arriva la sosta natalizia, servirà a ricaricarvi e a rigenerarvi?

“Sicuramente, ne sono convinta. Lavoreremo sin da subito sulla parte atletica, perché già risentiamo un pò di fatica, poi psicologicamente cercheremo di superare l'ostacolo delle trasferte.”



E' finito il girone d'andata, la tua analisi su questo vostra prima parte di campionato e su quello in generale della serie A ora che sia giunto al giro di boa?

“Credo che un pò di punti siano stati persi per strada, quanto meno negli scontri diretti e in quelli in casa. L'obiettivo della Focus resta la salvezza, militare a metà classifica, però sono convinta che il potenziale della Focus siamo molto più alto di quello sinora espresso, e credo che possa arrivare tra le prime cinque compagini del girone. Il campionato è piuttosto strano, compatto ed imprevedibile: supera ogni pronostico, ne dà conferma anche la sconfitta nell'ultima gara di andata dello Statte con l'Ita Saladra, che cede così il primato alla Roma, campione d'inverno!”



Cambiando argomento, andando sul personale, ti chiediamo come è nata dentro di te la voglia di allenarsi, lottare e giocare sui campi di calcio?

“E' una passione nata como gioco da piccola con i miei cugini nel cortile di casa. Poi c'è stata l'esperienza al liceo, un breve periodo di approccio con la Focus, successivamente le Queens per quasi 6 anni ed ora di nuovo la Focus, però in serie A!”



Cosa chiedi al 2012, che sta per entrare far pochi giorni?

“Sicuramente di poter giocare di più, scherzo, a parte questo fattore, spero che la Focus possa ritrovare quella tranquillità psicologica, che le permetta di dimostrare a sè stessa e agli altri il suo REALE valore!”



Donatello Summa
Addetto stampa
A.S.D. Nuova Focus Foggia
Questo articolo è stato letto 608 volte.
Vai alla rubrica Calcio a5 Femminile »

Altri articoli in questa rubrica