Focus Foggia, nessun dramma: si chiude un 2011 positivo

Martedì, 20 Dicembre 2011

Nonostante l’inaspettata sconfitta patita domenica a Messina, per le rossonere si chiude un anno solare di tutto prestigio. Dopo la pausa natalizia arriveranno i tre punti a tavolino per il ritiro del Trinakria, sulla carta prossimo avversario delle rossonere. Ritorno vero in campo nel derby con lo Statte.

di Gisberto Muraglia

E’ vero, la sconfitta con il Ganzirri non ci voleva proprio. Non è piacevole pensare di aver lasciato tre punti ad una compagine che non vinceva dalla seconda giornata (2-1 interno al Pescara), come non è piacevole pensare che il tuo avversario è di fatto, dopo l’addio del Trinakria, la squadra con il peggior attacco (17) e con la peggior difesa (62). Entrare in campo convinti dei propri mezzi si, ci sta. Ma entrare in campo convinti di vincere, no. Non va bene. L’errore classico di chi va a giocare contro l’ultima in classifica. Tuttavia, una prestazione da archiviare e da non ripetere, non va certamente a scalfire quanto di buono fatto finora dalla Focus Foggia. L’anno scorso di questi tempi, infatti, le satanelle militavano nel campionato regionale. Un cammino lento, paziente, ma alla fine rivelatosi trionfale, culminato con lo spareggio vinto con il Venosa che decretò lo storico approdo in serie A. E nemmeno i quindici punti conquistati dalle rossonere al giro di boa dell’attuale campionato sono da buttare, tutt’altro.

BILANCIO POSITIVO Il 2011 è ormai finito e, se si deve stilare un bilancio, non può che essere da promuovere a pieni voti. Questa squadra è la stessa che una settimana fa ha battuto la Pro Reggina, una delle formazioni più forti del campionato, fresca di pass per la Final Eight di Coppa Italia dopo la roboante vittoria con la Jordan. E battere una squadra, come quella calabrese, che nelle competizioni nazionali più importanti trova spesso fissa dimora, non è certamente facile. E’ fattore sintomatico della qualità della rosa a disposizione del bravo tecnico Fabio Longo, alle prese con una non certo facile fase di transizione dell’impianto di gioco da trasmettere alle sue allieve, impianto di gioco che neanche un mese fa aveva i connotati di Gianni Valente. Stavolta le rossonere sono state un po’ discole, ma un intoppo ci può anche stare. Si accetta più serenamente se capita con un’avversaria che magari ti affianca in classifica o che ti è avanti, è vero. Ma lo sport è bello anche perché capitano delle cose spesso (solo apparentemente) incomprensibili.

SOLDANO-GOL, VITTORIA A TAVOLINO E REAL STATTE Ci sono almeno un paio di cose da salvare nella sfortunata trasferta siciliana. L’undicesimo gol in campionato di capitan Simona Porcelli, ormai consacratasi tra le giocatrici più forti d’Italia, ma soprattutto il primo gol in maglia rossonera di Giusy Soldano, fresca ex Statte, che ha bagnato nel migliore dei modi il suo esordio con la nuova maglia. Guardando il calendario della Focus l’occasione di pronto riscatto dovrebbe essere la trasferta in casa del Trinakria Palermo. Già, dovrebbe, perché la compagine siciliana si è ritirata dal campionato dopo il perdurare della grave crisi economica che ha colpito il club. Regolamento alla mano la Focus osserverà un turno di riposo e si vedrà assegnare tre punti a tavolino con lo 0-6 che decreterà la Divisione. Un riscatto platonico per la Focus, che voleva di sicuro rifarsi del ko col Ganzirri conquistando i tre punti sul campo, ma perlomeno stavolta il presidente Vincenzo Maffei si eviterà una delle sue poco amate trasferte in Sicilia. Il vero ritorno in campo per la Focus sarà il 15 gennaio nel derby casalingo con il Real Statte. Una partita che ha bisogno di poche presentazioni e che le rossonere dovranno, per forza di cose, interpretare nel migliore dei modi. Grinta e determinazione al massimo, perché se con lo Statte entri in campo depresso, a fine gara lo si è ancora di più. Ma c’è tempo e modo di pensare al derby di Puglia della serie A del futsal femminile, adesso è tempo di godersi le feste. Si, di godersi, perché nonostante il ko di Messina, da Babbo Natale non arriverà certo carbone. Anche la Befana è avvisata. Che faccia la brava, queste ragazze non meritano calze tutte rotte.

Questo articolo è stato letto 347 volte.
Vai alla rubrica Calcio a5 Femminile »

Altri articoli in questa rubrica