Lc Digital System, col Cadi Reggio Calabria per la fuga

Venerdý, 9 Dicembre 2011

Appuntamento al Pala Wojtyla alle ore 16 e 30. Debutta la stella Manfroi

Il big-match della dodicesima giornata del campionato di serie B/F va in scena al Pala Wojtyla di Martina Franca (fischio di inizio ore 16 e 30). Prima contro seconda, Lc Five Martina contro Cadi Reggio. E’ uno scontro diretto che potrebbe già essere decisivo ai fini della vittoria finale del campionato. L’imbattuta capolista di mister Basile ha cinque punti di vantaggio sulla diretta inseguitrice e, battendo i calabresi, volerebbe a +8 in classifica mettendo una seria ipoteca sulla prima piazza. I calabresi, invece, reduci dalla sconfitta nel derby contro il Mirto, non possono più sbagliare e se vorranno ambire a quel primo posto, dovranno per forza di cose, ottenere un risultato positivo a Martina. Patron Cosimo Scatigna potrà già vedere all’opera l’ultimo grande colpo di questo calcio-mercato, vale a dire la stella, l’uragano Manfroi prelevato in settimana dal Molfetta, mentre non sarà della partita l’altro bomber Adelmo Pereira, vittima di un problema all’adduttore. Spazio in formazione anche per Martorello dopo la partenza dell’altro gioiello cresciuto in casa Lc, Gonzalo Abdala, di cui riferiamo a parte. Ma il calcio mercato della Lc riserva anche altre sorprese. Sono stati acquistati, infatti, dal Fasano altri due giovani interessanti, Nardacchione (classe ’90) e Pineiro (classe ’92) che conoscerete presto. Al Pala Wojtyla si fischierà dal Nord. Arrivano rispettivamente dalle sezioni di Rovereto (Trento) e Conegliano (Treviso), i due direttori di gara, i signori Cirillo e De Coppi.

ABDALA, DA PINGUINO...A LUPO!!!

Due minuti di dvd per entusiasmarsene, sedici pesi per innamorarsene, una telefonata per separarsene. Ma quando chi telefona si chiama Luparense, è difficile, se non impossibile, dir di no. La Lc Digital System comunica che nella giornata odierna ha ceduto le prestazioni sportive del calcettista italo-argentino Gonzalo Manuel Abdala (classe 1990), all’attuale capolista del campionato di A1. Una cessione sicuramente dolorosa quella del talentuoso numero 10 biancazzurro, per il quale il presidente Scatigna aveva più volte rimandato al mittente le offerte di diverse società di serie A. Ma quando ti chiama Fabio Vella da San Martino di Lupari, allora pensi che sia giunto il momento e la squadra giusta per consentire ad un ragazzo di 21 anni di coronare il suo sogno. Arrivato in Italia nell’Agosto 2009 per mano del procuratore romano Franco Ceracchi, Abdala gioca per una stagione al Nuoro, prima che Francesco Castellana, allenatore dell’under 21 biancazzura, se ne innamora attraverso un dvd con le sue giocate. Il presidente Scatigna porta subito a Martina il fenomeno argentino, con il quale instaura sin da subito, come spesso accade al n°1 di Via Rosmini, un rapporto da padre-figlio più che da presidente-giocatore. Con la maglia dei pinguini, Abdala ha collezionato fino ad oggi 80 presenze condite da ben 96 reti, alcune delle quali hanno lasciato senza fiato gli appassionati di calcio a 5, diventando beniamino del pubblico del PalaWojtyla, incollato ai seggiolini ad ogni partita casalinga nell’attesa di una sua magia. Nella mente di tutti riaffiorano ora le sue indimenticabili giocate, soprattutto con l’under 21, con i tre gol a pallonetto contro Matera, Asti (semifinale coppa Italia) e Bologna (supercoppa italiana), i suoi irrefrenabili slalom contro l’Augusta e l’ultimo, in ordine di tempo, venti giorni fa a Sammichele, quando il pubblico avverso si alzò in piedi per applaudire la sua rete.

Con la maglia della società del patron Cosimo Scatigna, visibilmente commosso ieri, ma estremamente emozionato per aver cresciuto una vera promessa del futsal nazionale, Gonzalo Abdala ha praticamente vinto tutto: campionato serie C, campionato under 21, coppa Puglia, supercoppa Puglia, coppa Italia under 21, coppa Italia serie C, miglior giocatore della coppa Italia under 21 a Padova e infine, appena due mesi fa, la supercoppa italiana under 21.

Da una capolista, la Lc Digital System, ad un’altra, la Luparense. Ma qui parliamo di serie A, qui parliamo di possibilità di vincere uno scudetto, qui parliamo di treni che passano una sola volta nella vita. E tutta la società biancazzurra ha voluto dare ad Abdala quel biglietto da non perdere assolutamente. BUENA SUERTE CAMPEON, BUENA SUERTE HERMANO !!! Grazie di tutto…

Questo articolo Ŕ stato letto 381 volte.
Vai alla rubrica Serie B »

Altri articoli in questa rubrica