L'avevo detto. VincerÓ chi farÓ un gol in pi¨.

Martedý, 6 Dicembre 2016
Poprio così. Una gara che si è decisa principalmente per un gol in più delle padrone di casa contro le rossoblù di mister Liotino che sprecano per due volte l'opportunità di pareggiare nel finale sprecando due tiri liberi che sarebbero valsi un possibile 4-4 che oggi terrebbe le due sullo stesso filo dei 10 punti.
Punti che alle 13 di domenica scorsa al termine della sfidazza tra le tue big del girone B, ha sancito il verdetto che forse si 'porterà' avanti sino alla sfida di ritorno al PalaMazzola. Più 3 del roster di mister Sergi, che a differenza della scorsa stagione, adesso dovrà essere rincorsa da Linzalone e compagne, le quali la partita di avantieri se la sono giocata tutta senza mezze misura.
Una gara ad armi pari, con qualche defezione di troppo in casa tarantina che dopo l'addio a Nitti in settimana, lascia ai box tutte le D'A. D'Arconzo, D'Arienzo, D'Amico (squalificata) e DiGioia che dopo il fischio d'inizio esce dal rettangolo di gioco per infortunio. Copertino che gode più o meno di tutte le sue e che parte con ritmi un pò più alti cercando di avere la meglio sul quintetto di capitan Linzalone. Ma la prima frazione mostrerà di che pasta è fatto l'incontro che si disputa in campo. Forte equlibrio tra le compagini che si temono a vicenda, 5-6 tentativi a testa verso la porta avversaria ma i primi 30 minuti restano inchiodati sullo 0-0.
Con la seconda frazione, Campi Salentina in una domenica di sole e temperata, vive la sua mezz'oretta più eccitante del 4 dicembre 2016. Apre le danze Caramia che porta il Taranto in vantaggio nei primissimi minuti. Preite fa la 'padrona' di casa e riporta la contesa in parità, ma neanche il tempo di pensare al possibile ribaltamento dei numeri che Giliberto rimette le joniche in vetta alla classifica con la San Joseph che ha a disposizione ancora 20 minuti per evitare di guardare da sotto la cima della classifica. Sale in cattedra chi l'esperienza nel futsal ce l'ha da vendere, Villani, regalando una doppietta che riporta in paradiso le padrone di casa grazie soprattutto ad una prodezza di quelle 'balistiche' che chi ha assistito alla gara ricorderà per un bel pò, alla quale si somma intorno al 25' il gran bel gol della ormai sempre più incisiva Aloisi che mette, almeno sulla carta, il risultato al sicuro. Ma di fronte c'è la Città di Taranto che lo 'sconforto' non lo conosce. La scorsa stagione recuperi, il rosterazzo di Liotino ne ha fatti e mister Sergi... ne sa più di qualcun'altro. Ecco all'ora che si apre il tempo-spazio dedicato al cardiopalma dei tifosi rossoverdi. Stante accorcia le distanze, ed il 4-3 è cosa fatta. Il recupero non finisce mai, con ben 6-7 minuti concessi dal giudice di gara che nei minuti finale concede sesto e settimo fallo al Taranto, che spreca la ghiotta opportunità di rimettere in pari la contesa con i tentativi falliti di Caramia, Orlando e Giliberto.
E allora stop. Il 4-3 definitivo premia le padrone di casa che possono brindare al primo posto in solitaria. Ma non ce tempo per godere troppo perchè mercoledì il Taranto è di nuovo li per la gara di andata della semifinale di Coppa. Ed il riscatto sarà la regola. A fine gara i due mister esprimono entrambi soddisfazione per ciò che si è visto in campo, per la leale contesa tra le ragazze e calcisticamente provati per le emozioni vissute soprattutto grazie ad una ripresa di alto spessore che se a mister Liotino ha fatto perdere la partita per un gol di scarto, a mister Sergi a fatto perdere la voce per qualche giorno.
Arrivederci a domani sera ore 20.30, nuovamente in quel di Campi Salentina con gli stessi colori in campo, gli stessi mister in panchina e soprattutto la stessa voglia di vincere...con quel gol in più che ha cartterizzato gara 1.

Questo articolo Ŕ stato letto 341 volte.
Vai alla rubrica Calcio a5 Femminile »

Altri articoli in questa rubrica