3ore 3mende. Inferno o paradiso!

Sabato, 3 Dicembre 2016
Ha inizio domani la 10 giorni più intensa di questa stagione per Sergi e Liotino. Si sfideranno 3 volte sino a mercoledi 14 dicembre le rosso-verdi salentine e le rossoblù del mar Piccolo. Il rosso in comune per un trittico che potrebbe valere una stagione intera per entrambe le società. La sfida al vertice comincia domattina alle 11.30 nel palazzetto di Campi Salentina. Entrambe a punteggio pieno con 9 punti in testa alla classifica del girone B. Chi vince saluta le 'altre' rimandandole molto probabilmente alla gara di ritorno sino a quando con molta probabilità i +3 resteranno saldi in classifica, anche perchè le due si sono già disfatte della Sirio Taviano, sulla carta terza testa di serie del giorne. E a quel punto rincorrere diventa uno sforzo psicologico non indifferente. E poi nuovamente sullo stesso rettangolo di gioco di Campi, ore 21.30 mercoledi vigilia dell'Immacolata, andata di semifinale Coppa Italia, per concludere il tour de force tra Sergi e Liotino mercoledi 14 con il ritorno che sancirà chi si giocherà la finalissima prenatalizia.
Nervi saldi sono quelli che serviranno dal primo dei 180 minuti di questa triplice sfida in cui ogni gol siglato servirà per la 'causa'. Gol che conti alla mano vede l'offensiva del Copertino sino a questo punto della stagione, più prolifica della compagine tarantina. 15 i gol di Preite, Piccinno e compagne, e solo 2 subite, in cambio con le solo 6 messe dentro da Caramia, Orlando e rossoblù tutte, che ne hanno subita solo una dal San Marzano. Potrebbe dare l'impressione che la San Joseph sia più indirizzata ad evere la meglio nella triplice sfida tutta da godersi, visto che la mobilità delle ragazze di mister Sergi in campo, nelle prime gare sembra aver già acquisito tempi e soluzioni adeguate ad ogni circostanza. Il Taranto produce sicuramente molto in fase offensiva ma a volte perde un pò il ritmo, soprattutto quando Caramia e Stante siedono in panchina. Non vincerà chi tirerà più in porta, ma chi tirerà meglio. E soprattutto chi saprà guardarsi meglio le spalle, perchè le ripartenze dovrebbero fare la differenza.
E allora via. Si parte con le 3ore più 3mende della stagione. E che ogni minuto siano degno del futsal. Anche se dopo 180 minuti non vincerà il migliore, ma chi ne fa almeno uno di più....

Questo articolo Ŕ stato letto 586 volte.
Vai alla rubrica Calcio a5 Femminile »

Altri articoli in questa rubrica